Marcel Breuer alla nascita del Bauhaus. Le riviste di architettura contribuirono a diffondere l'interesse per la disciplina: una delle prime fu l'American Architect and Building News, nata a Boston nel 1876, mentre dal 1879 si pubblicò a San Francisco la Californian Architect and Building News. Bio-architettura a Manhattan, Scheda sulle caratteristiche ecologiche della Bank of America Tower, Riconoscimento del Council on Tall Buildings and Urban Habitat per il 2010 alla Bank of America Tower, Pubblicazioni sull'architettura degli Stati Uniti, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Architettura_statunitense&oldid=117083171, Template Webarchive - collegamenti all'Internet Archive, Template Webarchive - collegamenti a archive.is, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo. Ciò che gli architetti sono nati nel mese di aprile? Nel corso del Novecento fu ingrandita con l'aggiunta di ali che permettevano di far fronte allo sviluppo degli uffici governativi. Dal 1916 la città di New York adottò la Zoning Law, restata in vigore fino al 1961, che obbligava gli architetti ad adattare l'altezza degli edifici alle dimensioni della parcella urbana. Brand famosi, Ikea, Absolut e Red Bull, e grandi artisti come il regista Stanley Kubrick, hanno scelto il font Futura perchè affascinati dalla sua forte personalità che ben si adatta a titoli, headlines e testi in maiuscole. Lo studio di architettura di Chicago Skidmore, Owings e Merrill, ha elaborato il progetto del 7 World Trade Center a New York, completato nel 2006[143] massimizzando l'utilizzo della luce naturale e l'impiego di materiali riciclati. Nel 1916 venne fondato il Beaux-Arts Institute of Design. Tra i motivi delle critiche l'impedimento alla luce di raggiungere il terreno, la congestione della circolazione, il rischio di uniformare l'aspetto dei centri cittadini, gli aumentati rischi in caso di incendio. La Isaac Royal House fu costruita a Medford (Massachusetts), tra il 1733 e il 1737, dal mercante di schiavi di Antigua Isaac Royall, e ingrandita tra il 1747 e il 1750 dal figlio Isaac Royall Jr., che vi aggiunse la facciata ovest con finestre timpanate e pilastri dorici agli angoli, oltre a ridecorare gli interni con pannelli in legno di stile georgiano[63]. Una lista di 15 film da vedere assolutamente, soprattutto se si ama l'architettura.Perché parliamo di film per architetti?Perché quella tra cinema e architettura è una collaborazione di lunga data. L'edificio venne criticato dagli aderenti al Movimento Moderno. Cosa intendano gli americani con “felliniano” posso immaginarlo: opulento, stravagante, onirico, bizzarro, nevrotico, fregnacciaro. Trinity Church a New York, di Richard Upjohn (1846), in una foto del 1912. La costruzione venne iniziata nel 1792. Jenks stabilisce una data precisa di passaggio con la demolizione, a causa delle sue condizioni di inabitabilità, il 15 luglio 1972, del quartiere di Pruitt-Igoe a Saint Louis, Missouri, che era stato costruito a partire dal 1950 su progetto dell'architetto Minoru Yamasaki. La sua opera più famosa è la Knotted Chair, una sedia in corda e fibra di carbonio annodata a mano. Peter Harrison (1716-1775) portò con sé dai suoi viaggi tecniche europee che applicò nello stato di Rhode Island: costruì a Newport la Redwood Library (anni 1750)[29], con legno sagomato ad imitazione di blocchi in pietra bugnati e con portico dorico a forma di tempio, e la Touro Synagogue (1763)[30], con colonne ioniche in legno all'interno, la più antica sinagoga tuttora esistente negli Stati Uniti. Boston e Salem furono le due città in cui l'influenza inglese si manifestò in modo più evidente, ma sempre in uno stile epurato e adattato ai modi di vita americani. La missione più nota è invece quella settecentesca di San Antonio de Valero, in Texas[8], creata a oltre 600 km dal più vicino insediamento spagnolo nel 1718 e con cappella in pietra incompiuta, ma riccamente decorata nella facciata, iniziata nel 1758. La seconda metà del XIX secolo fu caratterizzata dalla ricostruzione dopo la guerra di secessione e da un grande sviluppo economico, con crescita demografica e rapida urbanizzazione. Già nel 1904 Lloyd Wright aveva rifiutato la standardizzazione dei grattacieli contemporanei. Il monumento a Washington[42], un obelisco eretto in onore di George Washington, primo presidente degli Stati Uniti, fu progettato nel 1838 da Robert Mills. Portland Building di Michael Graves a Portland (Oregon), del 1982, AT&T Building di Philip Johnson a New York, del 1978-1984, Ingresso della Gordon Wu Hall all'università di Princeton, di Robert Venturi, del 1983, Edificio oriental della National Gallery of Art a Washington, di Ieoh Ming Pei, 1974-1978, High Museum of Art di Atlanta (Georgia), di Richard Meier, 1980-1983, Getty Center a Los Angeles (California) di Richard Meier, 1997. Alla fine degli anni venti l'architettura statunitense risentì l'influsso dell'Art déco, che si mescolò con le esigenze urbanistiche locali e con l'ispirazione tratta dai modelli precolombiani[100]. La missione di San Xavier del Bac, fondata nel 1699 e oggi a circa 16 km da Tucson, in Arizona, è un esempio di stile barocco churrigueresco, in voga nello stesso periodo in America latina: la facciata è inquadrata da due torri massicce ed è riccamente decorata[10]. La Old Ship Meetinghouse di Hingham (Massachusetts, 1681)[17] è la più antica chiesa in legno degli Stati Uniti. Thomas Jefferson elaborò la pianta della propria residenza privata a Monticello, presso Charlottesville, in Virginia[67]. La costruzione riprende elementi dell'architettura classica, come il porticato dorico a quattro colonne come ingresso e la cupola centrale. La tendenza all'architettura verticale fu presto criticata da diversi architetti statunitensi, tra i quali lo stesso Louis Sullivan. Il Woolworth Building di New York, opera dell'architetto Cass Gilbert del 1913, venne realizzato in stile neogotico[90]: con i suoi 60 piani e i 241 m di altezza batté il record della Metropolitan Life Insurance Company Tower[91]. La tecnica incoraggiava il rapido sviluppo dei nuovi centri e permetteva una grande mobilità, ma le abitazioni non offrivano buone condizioni sanitarie e bruciavano rapidamente in caso di incendio. Si può prendere ad esempio quella di Francesco Ferulli (1984), che ha adottato uno stile che lui stesso definisce un “contornismo metafisico”. Opera di un ingegnere tedesco, John Augustus Roebling, che lo realizzò perché rappresentasse architettonicamente il progresso in marcia, fu criticato dai contemporanei (come lo fu la contemporanea torre Eiffel, anch'essa opera di un ingegnere[58]). L'esplorazione spagnola del sud-ovest americano iniziò negli anni 1540. Il Biltimore Estate, commissionato a Richard Morris Hunt dai Vanderbilt e costruito tra il 1888 e il 1895, fu la più grande residenza privata degli Stati Uniti, ispirata dal castello di Blois[73]. Sempre a New York, l'architetto James Renwick Jr edificò la cattedrale di San Patrizio[47], ispirata dalle cattedrali di Notre-Dame di Reims e di St. Peter und Maria di Colonia. Utilizzò materiali come l'arenaria e il granito[50] e realizzò vetrate con archi a tutto sesto, tipici dello stile neoromanico. Il Campidoglio federale di Washington (United States Capitol) fu costruito a partire dal 1792[41]. Ingresso del Detroit Institute of Arts a Detroit, Michigan, di Paul Philippe Cret, 1923-1927, Rockfeller Memorial Chapel a Chicago, Illinois, di Bertram Grosvenor Goodhue, 1918-1924, Campidoglio a Lincoln, Nebraska, di Bertram G. Goodhue, 1919-1932, National Gallery of Art, a Washington DC, di John Russell Pope, 1937-1941. Hugues 1997, citato in bibliografia, p.110. I Propilei vennero riprodotti a scala minore come ingresso delle residenze di campagna della costa orientale. Casa Gardner-Pingree a Salem, Massachusetts, di Samuel McIntire, 1805, in una foto del 1940, Residenza di Thomas Jefferson a Monticello, presso Charlottesville, Virginia, facciata, Residenza della piantagione di Belle Meade, presso Nashville (Tennessee), 1853, Residenza della piantagione di Oak Alley, presso la località di Vacherie (parrocchia di Saint James, tra New Orleans e Baton Rouge, in Louisiana), 1841. Vincitori del concorso furono gli architetti newyorchesi Raymond Hood e John Mead Howells, con un edificio neogotico che si ispirava a prototipi medievali francesi e belgi. Anch'esso parzialmente danneggiato da un incendio durante la guerra anglo-americana del 1812, fu ricostruito tra il 1815 e il 1830 e negli anni 1850 fu notevolmente ingrandito da Thomas U. Walter. Nella Top Ten di oggi scopriremo le dieci celebrità di Hollywood che da ricche e famose si sono ritrovate dimenticate e senza un soldo. Da quando venne fondato il primo teatro lirico pubblico a Venezia nel 1637, questi giganti dell’edilizia e … L'architetto austriaco Victor Gruen, di idee socialiste, progettò alcuni grandi centri commerciali (il Southdale Center di Edina, presso Minneapolis (Minnesota), aperto nel 1956, e il primo nucleo del South Coast Plaza di Costa Mesa (California), aperto nel 1967), concependoli come un luogo di incontro comunitario che mancava nelle città americane e come spazi pubblici protetti dalle condizioni climatiche[119]. Jefferson contribuì al progetto, completato dall'architetto Benjamin Henry Latrobe, della nuova Università della Virginia, costruita a partire dal 1817. 10 schizzi architettonici dai famosi architetti. La pianta a scacchiera e la speculazione fondiaria nei centri urbani statunitensi non furono estranei al successo di questo tipo di edifici. Hugues 1997, citato in bibliografia, p.8. Riconosciuta dal governo americano l’American Academy in Rome è un’istituzione privata e i suoi fondi provengono da attività di “foundraising”. Famosi architetti cinesi. L'utilizzo di materiali più leggeri della pietra permise di fare a meno degli archi rampanti e dei contrafforti esterni. La pianta era asimmetrica e lo spazio interno si apriva su diverse verande. Chiesa episcopale di Saint Michael a Charleston (Carolina del Sud), del 1752-1761, First Baptist Church in America, a Providence (Rhode Island), 1774-1775, Redwood Library a Newport (Rhode Island), di Peter Harrison, anni 1750, Sinagoga Touro di Newport, di Peter Harrison, 1763. A New York sono state erette la Hearst Tower, opera dell'architetto Norman Foster, completata nel 2006[141] e la Bank of America Tower, progettata dallo studio Cook+Fox Architects, completata nel 2009[142]. Salvatore Galeone 15 Dicembre 2020. Nell'ambito dell'architettura neoclassica la ripresa dell'architettura greca antica ("stile neogreco") esercitò una grande attrazione sugli architetti che lavorarono negli Stati Uniti nella prima metà del XIX secolo. Smithsonian Institution, Washington (DC), di James Renwick Jr. L'architetto Richard Upjohn (1802-1878) si specializzò nelle chiese rurali del Nordest: la sua opera maggiore fu tuttavia la Trinity Church di New York[46], la cui architettura in arenaria rossa si ispirava allo stile trecentesco europeo[45] e che oggi si trova sovrastata dai grattacieli di Manhattan. Willit House a Highland Park (Illinois), di Frank Lloyd Wright, 1902, Robie House a Chicago (Illinois), di Frank Lloyd Wright, 1908-1910, Larking Building a Buffalo (New York), di Frank Lloyd Wright, 1906, Millard House a Pasadena (California), di Frank Lloyd Wright, 1923, Casa sulla cascata a Bear Run (Pennsylvania), di Frank Lloyd Wright, 1936, Uno dei primi esempi significativi fu la Willitts House di Highland Park (Illinois), terminata nel 1902 dall'architetto Frank Lloyd Wright[95]. A New York si erano avute le demolizioni della Pennsylvania Station nel 1963 e del Singer Building nel 1968, ma una campagna di opinione che vide la partecipazione di Jackie Kennedy permise di salvare il Grand Central Terminal, costruito agli inizi del XX secolo e nel 1998 i lavori di restauro permisero di far riapparire il soffitto originario della hall principale. Lo stile architettonico della Prairie School[94], caratterizzato dal prevalere delle linee orizzontali, si era diffuso a partire dalla fine del XIX secolo e gli inizi del XX secolo. Un altro esempio è la Robie House di Chicago (1908-1910)[96]. Thomas Jefferson, presidente degli Stati Uniti d'America tra il 1801 e il 1809, si interessò anche di architettura. Le tre regole di base di questo stile architettonico segnavano una rottura con l'architettura tradizionale: valorizzare i volumi per mezzo di superfici esterne lisce, evitare qualsiasi elemento decorativo, ma curare attentamente i dettagli architettonici, seguire rigorosamente il principio di regolarità. In seguito le grandi famiglie della costa orientale si fecero costruire immense residenze e ville in stile neogotico, agli antipodi del neoclassicismo, prendendo modello dalla casa inglese di sir Horace Walpole a Strawberry Hill. Ne sono lusingato. Già la sede del Metropolitan Opera, nel Lincoln Center di New York, opera dell'architetto Wallace K. Harrison inaugurata nel 1966, aveva reintrodotto nella facciata dell'edificio, di travertino bianco, cinque grandi arcate. Il nuovo metodo di costruzione, chiamato cast-iron building[83] fu diffuso dall'imprenditore James Bogardus (1800-1874). Il Rockefeller Center, completato nel 1939 con diciannove edifici nel cuore di Manhattan[109], fu frutto dell'ambiziosa concezione di John Davison Rockefeller Jr. di costruire una "città dentro la città"[100]. 10 font per architetti . A partire dagli anni settanta sono state elaborate una serie di critiche allo Stile internazionale: l'architetto Robert Venturi ha pubblicato nel 1972 il libro Imparando da Las Vegas (Learning from Las Vegas)[122], nel quale conia il motto "Meno è una noia" ("Less is a bore)", polemicamente ripreso dal celebre detto di Ludwig Mies van der Rohe "Meno è più" (Less is more). New York Tribune Building a New York, di Richard Morris Hunt, 1875, Home Insurance Building a Chicago (Illinois), dell'ingegnere William LeBaron Jenney, della Scuola di Chicago, 1884-1885, Wainwright Building a Saint Louis (Missouri), di Louis Sullivan, 1890, Woolworth Building a New York, di Cass Gilbert, 1913. Nel sud le residenze delle piantagioni[68] furono decorate talvolta da frontoni neogreci e da colonne. www.archeire.com . Irlanda . A Boston fu ricostruita in mattoni la sede del governo coloniale del Massachusetts (Old State House)[22], dopo l'incendio del 1711 che aveva distrutto la sede originale (Town House), costruita in legno nel 1657). La Cranbrook School, voluta a Detroit dal magnate della stampa George G. Booth, la cui sede fu progettata da Eliel Saarinen e venne costruita tra il 1926 e il 1931, ha formato numerosi architetti statunitensi nel corso del XX secolo. Alcune aperture sono di forma ellissoide e una o più stanze ebbero pianta ovale o circolare. Jefferson, partecipe del'Illuminismo contribuì all'emancipazione dell'architettura americana, imponendo la visione di un'arte al servizio della democrazia[36]. L’istruzione extrascolastica; L’istruzione superiore; L’istruzione superiore; L’istruzione media … Nel 1761-1762 John R. McPherson fece costruire a Mount Pleasant (Filadelfia)[64] una residenza a pianta rigorosamente simmetrica, con ingresso dotato di un frontone sorretto da colonne doriche e con tetto incorniciato da balaustre, nello stile neoclassico allora in voga in Europa. AAB Architekten. I migliori film che raccontano l’architettura lo possono fare esplicitamente, attraverso biografie e documentari, più spesso ricorrendo alla sapiente discrezione dell’arte scenografica. L'architettura coloniale, tra il XVI e il XVIII secolo è dunque dipendente dalle influenze europee. Jefferson favorì lo sviluppo dello stile federale della nuova nazione, che adattava l'architettura neoclassica europea ai valori repubblicani nati dalla Rivoluzione americana, distaccandosi dal'architettura georgiana coloniale di Williamsburg, che rappresentava il simbolo del dominio inglese sulle tredici colonie[37]. Il metodo fu progressivamente abbandonato dopo il 1873 (inizio della Grande depressione) e fu sostituito dallo Shingle Style[77] caratterizzato dalla semplicità e dalla ricerca di comodità. Con le realizzazioni di Iring Gill negli anni 1910 (diverse case californiane a tetto piatto) si diffuse il gusto per la semplificazione dei volumi e la decorazione esterna, come nella Dodge House a West Hollywood, California, presso Los Angeles, 1914-1916, demolita nel 1970[80]. Uno degli esempi più tardivi di questa tendenza è il Campidoglio di Columbus (Ohio), progettato da Henry Walters e completato nel 1861[39], con sobria facciata con cornice continua e privo di cupola, caratteristiche che conferiscono un'impressione di austerità e maestosità all'edificio. L'edificio più rappresentativo di questa corrente è la Biblioteca del Congresso a Washington. La missione di San Agustín de la Isleta, nella contea di Beralillo (Nuovo Messico), a circa 20 km da Albuquerque, conserva una chiesa del 1612 in adobe, a singola navata, dotata all'esterno di contrafforti e di due campanili simmetrici, senza decorazioni[9]. Questi si ispirò ai primi due piani della Leinster House di Dublino (oggi sede del Parlamento irlandese). L'American Renaissance, Secondo dopoguerra: lo Stile internazionale. La loro forma cubica e il loro addossamento le une alle altre davano ai villaggi una forma caratteristica. La pianta non è più a croce latina, come quella delle chiese cattoliche, il pulpito è collocato al centro, le travature sono lasciate volutamente in vista, non è presente l'abside e manca ogni decorazione[18]. Il Carpenter Center for the Visual Arts di Harvard (Cambridge, Massachusetts) fu realizzato nel 1962 da Le Corbusier, sola opera del celebre architetto negli Stati Uniti[120]. Soprattutto i campidogli degli stati federali adottarono lo stile neogreco, come quello di Raleigh (Carolina del Nord)[38], ricostruito nel 1833-1840 dopo un incendio, o quello vecchio di Indianapolis (Indiana), ispirato al Partenone e demolito nel 1877. Tra i designer stranieri più famosi al mondo c’è Marcel Wanders. Nel campus dell'università di Princeton (a Princeton, ´New Jersey) Robert Venturi progettò la Gordon Wu Hall, completata nel 1983[128]. www.abb-architekten.com . Siamo abituati a immaginare le case disegnate da architetti famosi come opere da ammirare, studiare… di certo non in cui alloggiare. Weisman Art Museum nel campus della University of Minnesota Twin Cities a Minneapolis (Minnesota), di Frank Gehry, 1993, Walt Disney Concert Hall a Los Angeles (California), di Frank Gehry (concorso del 1989 e completamento nel 2003), Padiglione Jay Pritzker nel Millennium Park di Chicago (Illinois), di Frank Gehry, 2004. Il secondo dopoguerra fu caratterizzato inoltre dalle opere dell'architetto finlandese Eero Saarinen: l'auditorio Kresge del Massachusetts Institute of Technology a Cambridge (Massachusetts), del 1950-1955[114], il Gateway Arch di Saint Louis (Missouri), progettato nel 1947 (data del concorso per il progetto) e costruito tra il 1963 e il 1965[115], il "TWA Flight Center" (oggi "Terminal 5") dell'aeroporto di New York "John F. Kennedy", del 1962 e l'aeroporto di Washington, dello stesso anno[116]. Benjamin Henry Latrobe (1764-1820) e i suoi allievi William Strickland (1788-1854) e Robert Mills (1781-1855) ottennero commissioni per la costruzione di sedi di banche e chiese nelle grandi città come Filadelfia, Baltimora e Washington. L'architettura ufficiale, ma anche quella civile e quella religiosa (cosa che rappresenta un tratto originale dell'architettura statunitense), fu il riflesso di questa visione e prese per modello gli edifici del'Acropoli di Atene. Washington, capitale federale degli Stati Uniti, è un esempio di urbanistica omogenea. La First Baptist Church in America a Providence (Rhode Island)[27] fu la prima ad avere aperture di tipo palladiano e colonne tuscaniche[28]. Gli spagnoli costruirono anche dei forti, come quello di Pensacola (Fort San Carlos de Austria, costruito nel 1698 e distrutto nel 1719 sul sito del successivo Fort Barrancas[12]) e quello di St. Augustine (Castillo de San Marcos, del 1565), tra i pochi monumenti del periodo conservati negli Stati Uniti[13]. Ecco, fregnacciaro è il termine giusto”. Gli attentati dell'11 settembre 2001 hanno provocato una riflessione sui grattacieli, il loro simbolismo e i problemi legati alla sicurezza[138]. Hugues 1997, citato in bibliografia, p.25. Hugues 1997, citato in bibliografia, pp.56-61; (, Jeffrey Karl Ochsner, Thomas C. Hubka, "H. H. Richardson: The Design of the William Watts Sherman House", in, August E. Sarnitz, "Proportion and Beauty, The Lovell Beach House by Rudolph Michael Schindler, Newport Beach, 1922-1926", in. Gli edifici adottarono una pianta complessa, che non rispondeva più ai principi di simmetria e rigore neoclassici. Una mostra del 1988 presso il Museum of Modern Art di New York (Deconstructivist Architecture)[132], introdusse il concetto di decostruttivismo in architettura, che in analogia al processo di decontrazione del linguaggio operato da Jacques Derrida, si propone di deostruire forma e funzione architettoniche.