posta@fpcgil.it Viene considerato “periodo notturno” l’arco di tempo di almeno sette ore consecutive che comprende l’intervallo tra la mezzanotte e le cinque del mattino, come ad esempio un turno di lavoro tra le 23 e le 7. Giugno I lavoratori che hanno a proprio carico un soggetto disabile ai sensi della legge 104 … Esonero turni per Legge 104. 3 del dl n. 104/2020 convertito con legge n. 126/2020 (c.d. Lavoro, ris. 33, comma 2, della legge 5 febbraio 1992, n. 104 relativo alle due ore di riposo giornaliero retribuito. Inoltre, in base all’accordo nazionale quadro del 2009, i lavoratori che hanno compiuto i 50 anni di età o che hanno un’anzianità di servizio di almeno 30 anni possono chiedere (e ottenere) l’esonero dal lavoro serale o dal lavoro notturno. Ma nemmeno chi ha un figlio piccolo o è affidatario di un minore sotto i 12 […] Via Leopoldo Serra, 31  >  2009. � vietato adibire le donne al lavoro, dalle ore 24 alle ore 6, dall'accertamento dello stato di gravidanza fino al compimento di un anno di et� del bambino. 4, comma 4 bis, e 20) 1. legge 104. Esiste la possibilità, per il lavoratore disabile titolare di legge 104, di chiedere l’esonero dal lavoro festivo. 2. Decreto Legislativo - 15/06/2015 n. 80 "Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre 2014, n. Chi ha un disabile a carico non può essere obbligato a lavorare di notte. I chiarimenti riguardano il nuovo esonero contributivo stabilito dall'art. 42 e 53 del Testo coordinato  - Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 (pubblicato nel Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 96 del 26.4.2001) e Decreto Legislativo 23 aprile 2003, n. 115 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 121 del 27.5.2003) Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e di sostegno della maternit� e della paternit� a norma dell'art. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I lavoratori che hanno a proprio carico un soggetto disabile ai sensi della legge 104 non possono essere adibiti al lavoro notturno. Successivamente al compimento del terzo anno di vita del bambino con handicap in situazione di gravit�, la lavoratrice madre o, in alternativa, il lavoratore padre hanno diritto ai permessi di cui all'articolo 33, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104. 15 della legge 8 marzo 2000, n. 53 di seguito riportati: Art. Normativa di riferimento. La Legge 9 dicembre 1977, n. 903 prevedeva alcune forme di tutela nei confronti delle lavoratrici in stato di gravidanza, le quali, già allora, non potevano venire impiegate nel lavoro notturno. Restano esonerati dal lavoro notturno anche il lavoratore o la lavoratrice che sia l’unico affidatario di un figlio convivente minore di 12 anni. Lavorando solo in orari diurni, potrei essere trasferito ad altro incarico, poiché non più compatibile con i turni della Centrale ? Vi chiede se esistono commi o sentenze che mi esonerino anche da tali reperibilit�, senza essere vincolata ogni anno dal parere di una singola persona? L’esonero dal servizio in favore di chi abbia a proprio carico un soggetto disabile ai sensi della legge n. 104/1992, così come previsto dall’art. 3 comma 3), per prestargli assistenza in prima persona, non è obbligato a prestare lavoro notturno, compresi eventuali turni di reperibilità o di pronta disponibilità, equiparati al lavoro notturno" 3. Essendo un fruitore della Legge 104 avendo un congiunto disabile, avrei la necessità di essere esonerato dal lavoro notturno, ma il mio dilemma qual è? I datori di lavoro privati, nella denuncia contributiva, detraggono l'importo dell'indennit� dall'ammontare dei contributi previdenziali dovuti all'ente previdenziale competente. Sanità Messaggio da francuccio65 » gio feb 12, 2015 10:06 pm Salve sono un militare in spe a mia moglie e stata riconosciuta la legge 104 art 3 comma 1. 3. 42 - Riposi e permessi per i figli con handicap grave (Legge 8 marzo 2000, n. 53, artt. 2. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. 2. 3 del dl n. 104/2020 (c.d. Legge 104 e lavoro notturno: esonero possibile Al comma 3 dell’articolo 53 del decreto legislativo n. 151/2011 si legge quanto segue. Non sono obbligati a prestare lavoro notturno: a) la lavoratrice madre di un figlio di et� inferiore a tre anni o, in alternativa, il lavoratore padre convivente con la stessa; b) la lavoratrice o il lavoratore che sia l'unico genitore affidatario di un figlio convivente di et� inferiore a dodici anni. La nostra denuncia in un articolo di @repubblica ➡️. In questa guida, passo dopo passo, darò tutte le indicazioni utili su come avere l'esonero dal lavoro notturno.In base alla nota legge 104, tutti quei lavoratori che hanno a proprio carico un soggetto disabile non possono essere adibiti al lavoro notturno ed inoltre possono anche essere esonerati da tutti gli eventuali turni di reperibilità o di pronta disponibilità. L'indennit� � corrisposta dal datore di lavoro secondo le modalit� previste per la corresponsione dei trattamenti economici di maternit�. Durante il periodo di congedo, il richiedente ha diritto a percepire un'indennit� corrispondente all'ultima retribuzione e il periodo medesimo � coperto da contribuzione figurativa; l'indennit� e la contribuzione figurativa spettano fino a un importo complessivo massimo di lire 70 milioni annue per il congedo di durata annuale. 6. 32 del d.P.R. Che cosa si debba intendere per assistenza “sistematica” e “adeguata”, però, non è stato chiarito dall’Inps, quindi tocca alle sedi territoriali dell’Istituto e ai datori di lavoro darne un’interpretazione. Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Hai a carico un disabile riconosciuto ai sensi della Legge 104. Ai sensi dell'articolo 20 della legge 8 marzo 2000, n. 53, detti permessi, fruibili anche in maniera continuativa nell'ambito del mese, spettano a condizione che sussista convivenza con il figlio o, in assenza di convivenza, che l'assistenza al figlio sia continuativa ed esclusiva. Fino al compimento del terzo anno di vita del bambino con handicap in situazione di gravit� e in alternativa al prolungamento del periodo di congedo parentale, si applica l'art. Le ultime news, gli articoli e le sentenze più significative della Cassazione e dei giudici di merito in materia di legge 104 Redazione. L'esonero dai turni di guardia e/o di pronta disponibilità fa riferimento esclusivamente al lavoro notturno. Per il Ministero, quindi, il disabile va considerato “a proprio carico” anche per quanto riguarda l’esonero dal lavoro notturno quando il lavoratore presta effettivamente questa assistenza. -. Medici Detto importo � rivalutato annualmente, a decorrere dall'anno 2002, sulla base della variazione dell'indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati. Oggetto: illegittimo diniego a domanda esonero turno notturno per dipendenti che assistono persone riconosciute affette da disabilità non in situazione di gravità ex art, 3, co. 1, l. 104/1992. Più precise le disposizioni del decreto legislativo che stabilisce le categorie esonerate dal lavoro notturno ai sensi della legge 104: il lavoratore o la lavoratrice – recita il testo – che abbiano a proprio carico per prestargli assistenza in prima persona un soggetto disabile non sono obbligati a prestare lavoro notturno, compresi eventuali turni di reperibilità o di pronta disponibilità, equiparati al lavoro … 5. I permessi giornalieri e/o mensili di cui all'articolo 33, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104. sono un diritto, per la cui fruibilità non è previsto alcun limite, tanto meno il gradimento annuale del direttore sovra ordinato. Esonero turni notturni e Legge 104 "Il lavoratore o la lavoratrice che abbiano a proprio carico una persona disabile grave (Legge 104/92, art. La normativa vigente, regola l’esonero dei turni di lavoro e la modalità dei permessi legge 104, nello specifico sono esonerati i lavoratori che svolgono lavoro notturno, che assistono a proprio carico un soggeto disabile ai sensi delle legge 104/1992 e successive modificazioni. Il lavoratore che usufruisce dei permessi legati alla Legge 104 per l’assistenza di un familiare disabile grave è esonerato dai turni notturni e da eventuali turni di reperibilità. 53 letteralmente recita non sono obbligati a prestare lavoro notturno la lavoratrice o il lavoratore che abbia a proprio carico un soggetto disabile ai sensi della legge 5 febbraio 1992, n. 104, e successive modificazioni.  >  La richiesta di esonero dal lavoro notturno va presentata al proprio datore di lavoro. Per quanto riguarda la possibilità di rifiutare il lavoro notturno fino al compimento di tre anni di età del bambino, questa spetta innanzitutto alla madre. Fax +39 06 58544339 Lavoratore o lavoratrice unico affidatario di figlio con età minore di 12 anni; 3. Home > [2] Min. Il diritto di esonero dal lavoro notturno (per tale intendendosi l’arco temporale di almeno sette ore consecutive di lavoro che comprendono l’intervallo tra la mezzanotte e le cinque del mattino: ad esempio da mezzanotte alle sette o dalle dieci alle cinque), poiché previsto direttamente dalla legge, non può essere derogato né dalla contrattazione collettiva né da accordi individuali tra lavoratore e datore. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. 1. 2. Ai sensi dell’art. (artt. Detti permessi sono fruibili anche in maniera continuativa nell'ambito del mese. Viste le notevoli difficolt� familiari ho utilizzato per un anno maternit� facoltativa non pagata nei gg di sabato e domenica, con drastica riduzione dello stipendio, poi annualmente richiedo l'applicazione del comma che consente, invece di utilizzare i 3 giorni anno di permesso per gravi motivi personali, di concordare col datore di lavoro un orario di servizio congruo; tale agevolazione per� dipende ogni anno dal parere del mio primario. Lavoro notturno Schede. I permessi giornalieri e/o mensili di cui all'articolo 33, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104. sono un diritto, per la cui fruibilit� non � previsto alcun limite, tanto meno il gradimento annuale del direttore sovra ordinato. Dai quali si evince: 1. La richiesta di esonero dal lavoro notturno va presentata al proprio datore di lavoro. Successivamente al raggiungimento della maggior et� del figlio con handicap in situazione di gravit�, la lavoratrice madre o, in alternativa, il lavoratore padre hanno diritto ai permessi di cui all'articolo 33, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104.  >  Ok alla demolizione di due immobili, Castelvetrano, case transennate in centro. n. 170/2007, costituisce, secondo il Ministero un diritto soggettivo discendente dall’assetto contrattuale che regola il rapporto d’impiego del personale dell’Arma dei Carabinieri. Oppure ho il Diritto comunque di rimanere a lavorare in Centrale senza svolgere lavoro notturno? La legge 104 [1] non si occupa nello specifico dei turni di notte ma, secondo il Ministero del Lavoro, la definizione “a carico” va ricollegata e resa omogenea a quanto stabilito dalla norma sui permessi lavorativi [2]. Nessun riferimento è fatto allo stato di … Cos’è e come funziona. 151/2001 e 115/2003. 2. Buonasera, volevo chiedere una cosa.  >  Più precise le disposizioni del decreto legislativo che stabilisce le categorie esonerate dal lavoro notturno ai sensi della legge 104: il lavoratore o la lavoratrice – recita il testo – che abbiano a proprio carico per prestargli assistenza in prima persona un soggetto disabile non sono obbligati a prestare lavoro notturno, compresi eventuali turni di reperibilità o di pronta disponibilità, equiparati al lavoro … Sull’esonero contributivo di 4 mesi per i datori di lavoro che rinunciano alla cassa integrazione arrivano nuove istruzioni da INPS con il messaggio n°4254 di oggi. Non solo: tenendo in considerazione le indicazioni dell’Inps [3], va adottato il principio secondo cui «tale assistenza non debba essere necessariamente quotidiana, purché assuma i caratteri della sistematicità e dell’adeguatezza rispetto alle concrete esigenze della persona con disabilità in situazione di gravità». n. 4 del 6 febb. So che per tale situazione ho l'esonero dai turi notturni, ma il mio problema � anche avere l'esonero dai turni di reperibilit� diurna nei giorni di chiusura delle scuole, ossia sabati, domeniche e festivi. 183." Per quanto riguarda, invece, la certificazione dello stato di handicap (ai sensi della Legge n. 104/1992) deve essere richiesta dalla persona con disabilità o da chi ne fa le veci alla ASL di residenza (v. scheda approfondimento). Documentazione Nello specifico l’art. 18, co 1, lett, f) dPR […] Ai sensi dell'articolo 5, comma 2, lettera c), della legge 9 dicembre 1977, n. 903, non sono altres� obbligati a prestare lavoro notturno la lavoratrice o il lavoratore che abbia a proprio carico un soggetto disabile ai sensi della legge 5 febbraio 1992, n. 104, e successive modificazioni Art. Nello specifico, l’art. [4] Artt. 26/06/2020. 4. I riposi, i permessi e i congedi di cui al presente articolo spettano anche qualora l'altro genitore non ne abbia diritto. I campi obbligatori sono contrassegnati *, Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Tel. Il messaggio sull’esonero contributivo introdotto dal decreto Agosto n. 104/2020 convertito nella legge n. 126/ 2020 del 13 ottobre, segue la circolare dettagliata n.105 del 18 settembre scorso. 2008 Legge 9 dicembre 1977, n. 903: “Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro”; Legge 5 febbraio 1992, n. 104: "Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate"; Madre di bambino con età minore di tre anni; se non lo chiede la madre lo può chiedere il padre convivente; 2. Quesito Sono un medico ospedaliero, madre di bambina di 6 anni con patologia cronica genetica grave, con riconoscimento della legge 104 con gravit�. I chiarimenti riguardano il nuovo esonero contributivo stabilito dall'art. webmaster@fpcgil.it, Ora serve uno scatto per il rinnovo del contratto di dirigenti e professionisti delle Funzioni Centrali. I riposi e i permessi, ai sensi dell'articolo 33, comma 4 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, possono essere cumulati con il congedo parentale ordinario e con il congedo per la malattia del figlio. esonero servizio notturno legge 104. L'esonero dai turni di guardia e/o di pronta disponibilit� fa riferimento esclusivamente al lavoro notturno. c) la lavoratrice o il lavoratore che abbia a proprio carico un soggetto disabile ai sensi della legge n. 104/1192. Si tratta delle lavoratrici madri di un figlio di età interiore a tre anni o, in alternativa, i padri, purché la coppia viva sotto lo stesso tetto. – violazione sistema relazioni sindacali, richiesta convocazione Commissione paritetica ex art. Chi ha un disabile a carico non può essere obbligato a lavorare di notte. Nessun riferimento dunque, è fatto allo stato di gravità o meno dell’assistito. La richiesta di esonero dal lavoro notturno va presentata al proprio datore di lavoro. +39 06 585441 Risposta Nel caso in esame, sia l'esonero dai turni, sia le modalit� per usufruire dei permessi ex L.104 sono regolamentati dagli artt. 5, commi 1 e 2, lettere a e b) 1. Legge 104/92: esonero dal lavoro notturno Chi ha un disabile a carico non può essere obbligato a lavorare di notte. Più in generale, viene considerato lavoratore notturno chi svolge un turno di notte per almeno 80 giorni l’anno. Ma nemmeno chi ha un figlio piccolo o è affidatario di un minore sotto i 12 anni. Per i dipendenti dei predetti datori di lavoro privati, compresi quelli per i quali non � prevista l'assicurazione per le prestazioni di maternit�, l'indennit� di cui al presente comma � corrisposta con le modalit� di cui all'articolo 1 del decreto legge 30 dicembre 1979, n. 663, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 febbraio 1980, n. 33. La lavoratrice madre o, in alternativa, il lavoratore padre o, dopo la loro scomparsa, uno dei fratelli o sorelle conviventi di soggetto con handicap in situazione di gravit� di cui all'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, accertata ai sensi dell'articolo 4, comma 1, della legge medesima da almeno cinque anni e che abbiano titolo a fruire dei benefici di cui all'articolo 33, comma 1, del presente testo unico e all'articolo 33, commi 2 e 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, per l'assistenza del figlio, hanno diritto a fruire del congedo di cui al comma 2 dell'articolo 4 della legge 8 marzo 2000, n. 53 entro sessanta giorni dalla richiesta. 53 del D.Lgs. La Legge n. 104/92 è la normativa che regola i diritti delle persone che soffrono di handicap e dei lavoratori che hanno un familiare portatore di handicap grave e se ne prendono cura (i cosiddetti caregiver).Quindi, hai diritto ai benefici previsti dalla Legge 104 (più avanti vedremo quali sono) se sei tu portatore di handicap oppure se un tuo familiare lo è. 00153 Roma Ma nemmeno chi ha un figlio piccolo o è affidatario di un minore sotto i 12 anni. 3 comma 3), per prestargli assistenza in prima persona, non è obbligato a prestare lavoro notturno, compresi eventuali turni di reperibilità o di pronta disponibilità, equiparati al lavoro notturno" Familiari di disabili e lavoro notturno; Normativa. 53 - Lavoro notturno (Legge 9 dicembre 1977, n. 903, art. 53 letteralmente recita «non sono altresì obbligati a prestare lavoro notturno lalavoratrice o il lavoratore che abbia a proprio carico un soggetto disabile ai sensi della legge 5 febbraio 1992, n. 104, e successive modificazioni». n.151/2001, puoi chiedere l’esonero al lavoro notturnose appartieni ad una delle seguenti categorie: 1. Infine possono farne richiesta le lavoratrici e i lavoratori che hanno a proprio carico un soggetto (non necessariamente un bambino) con accertata disabilità grave, ai sensi della legge 5 febbraio 1992, n. 104, e successive modificazioni ("richiesta esonero lavoro notturno legge 104"). Lavoro notturno con legge 104, il quesito di un nostro lettore:. 164/2002 per esame interpretazione art. 42 e 53 del Testo coordinato – Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 e Decreto Legislativo 23 aprile 2003, n. 115). Facciamo…, RT @FpCgilVVF: Traditi, per i Vigili del Fuoco dal governo solo bluff! Stesso diritto non sussiste, invece, per il familiare che assiste un disabile. Lavoro notturno e parenti di persone con disabilità Lo svolgimento del lavoro notturno è stato oggetto di numerosi interventi legislativi. Lavoro notturno e parenti di persone con disabilità ; Quesiti. Il lavoratore notturno, invece, è colui che svolge almeno tre ore del proprio turno durante il periodo notturno (ad esempio dalle 2 alle 10 del mattino). I permessi giornalieri e/o mensili di cui all'articolo 33, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104. sono un diritto, per la cui fruibilità non è previsto alcun limite, tanto meno il gradimento annuale del direttore sovra ordinato. Non possono essere inserite nei turni di lavoro notturno, dalle 24 alle 6, nemmeno le donne che hanno accertato lo stato di gravidanza, dal momento in cui sanno di aspettare un figlio fino al compimento dell’anno di età del bambino.  >  Esonero turni notturni e Legge 104 "Il lavoratore o la lavoratrice che abbiano a proprio carico una persona disabile grave (Legge 104/92, art. L'esonero dai turni di guardia e/o di pronta disponibilità fa riferimento esclusivamente al lavoro notturno. Copyright RG Corporation© 2017 (Il Belìce Informa, blog/aggregatore di notizie della Valle del Belice), Triscina, arrivano le ruspe. Il congedo fruito ai sensi del presente comma alternativamente da entrambi i genitori non pu� superare la durata complessiva di due anni; durante il periodo di congedo entrambi i genitori non possono fruire dei benefici di cui all'articolo 33, comma 1, del presente testo unico e all'articolo 33, commi 2 e 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, fatte salve le disposizioni di cui ai commi 5 e 6 del medesimo articolo. maggiori informazioni Accetto. 42 e 53 Dlgs. Il decreto sancisce anche quali sono le altre categorie che non possono essere obbligate a svolgere un lavoro notturno. Più precise le disposizioni del decreto legislativo [4] che stabilisce le categorie esonerate dal lavoro notturno ai sensi della legge 104: il lavoratore o la lavoratrice – recita il testo – che abbiano a proprio carico per prestargli assistenza in prima persona un soggetto disabile non sono obbligati a prestare lavoro notturno, compresi eventuali turni di reperibilità o di pronta disponibilità, equiparati al lavoro notturno. 29, co. 3, d.P.R. Normativa di riferimento .